NEL CUORE DI NAPOLI RINASCE UNO STRAORDINARIO GIOIELLO DELL’ARCHITETTURA – L’esperto: «E’ qualcosa di unico al mondo»

Si tratta di un autentico capolavoro, e si trova in quell’inesauribile miniera di bellezza che il centro storico di Napoli. Nessuno lo conosce, e all’anagrafe conta tre secoli. Cos’è? È la splendida «farmacia» che si trova all’interno del complesso ospedaliero degli Incurabili, e che, grazie alla tenacia del dr. Gennaro Rispoli e dei suoi volontari, è stata magnificamente restaurata.
Costruita nel XVI secolo, ampliata e decorata tra il 1740 e il 1760, ricchissima di opere d’arte, la «farmacia» esprime un’idea portante della filosofia dell’Illuminismo: la bellezza cura, come una medicina. E a Napoli, per quanta ce n’è, dovremmo essere immortali. Ma già, la bellezza cura se… ci si cura della bellezza: e questo non sempre avviene, anzi è raro, nella più sciatta e sprecona delle città.

All’ingresso del momumentale complesso, ecco subito un maestoso scalone di piperno che conduce alla prima sala maiolicata, sublime messa in opera dei maestri Massa, i ceramisti che realizzarono anche le celeberrime maioliche del chiostro di Santa Chiara.
Al centro troneggia un tavolo lungo cinque metri e ricavato da un unico pezzo di radica di noce, mentre tutt’intorno risplendono i decori e gli smaltidi oltre 400 vasi policromi che occupano le splendide scaffalature.
Nella seconda sala, arredata con sfarzo grandioso e abbellita da sei ordini di ripiani dai capitelli finemente scolpiti (opera de grande ebanista Agostino Fucito) fa mostra di se una monumentale tela di Pietro Bardellino, della seconda metà del Settecento, che illustra una scena della guerra di Troia.

Un dettaglio della struttura

Agli angoli del soffitto, quattro ritratti: tre sono omaggi a famosi scienziati e medici mentre il quarto raffigura Alessandro Volta, uno dei più grandi geni della Storia della fisica.
Visitare questa farmacia, è più emozionante che visitare un museo. È una percezione immediata, potente, indimenticabile, di cosa volesse dire vivere a Napoli nel secolo della sua più fulgida grandezza.
Chi è interessato a visitare questo autentico capolavoro visitare questa meraviglia può contattare l’associazione Il Faro di Ippocrate a questo indirizzo: info@ilfarodippocrate.it.
Sarà un’esperienza indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *